domenica, marzo 11, 2007

Senso di pesantezza e malessere diffuso, cefalea, dolori addominali e delirio

Coriandoli: verdi, gialli, blu, rossi; e fiori?
Vi regalerò dei fiori, ormai marci, per festeggiare di fronte al cimitero. Marci perchè i bei fiori sono per una morte triste, sono per la morte dell'arte. Chi è morta allora? Matematica. Coriandoli.
E se fosse morto Inglese? Coriandoli.
Ma sono sempre le cose belle a morire, ma porca troia, manco fossero fiche, le inglesi.
Sii detestabile: camperai cent'anni, ti sposerai: i tuoi figli ti odieranno; se ti è cara la vita non ti conviene essere felice. Ma cosa vedo! Chicchi di riso, fiocchi d'avena, Cristina d'Avena, nuda, bambini e finocchi, l'albero azzurro? Un posto felice; e poi riso soffiato, mutande di ghisa, vitamine, azzurro? La mattina è troppo grigia e lunga. Colazioni! Ora canterò le vostre origini scadenti; ora canterò la settimana di merda che si vede dal mattino, di lunedì.
Coriandoli.
Verdi, gialli, blu e rossi.
Odi et ami? Invece a me la sigla di uno mattina mi tormenta; forse ti chiedi come sia possibile che ciò accada? Coriandoli? Ma dove cazzo li ho lasciati.

3 commenti:

Arte ha detto...

w i coriandoli! :D

Baro ha detto...

bello e dannato

Rodrizio ha detto...

bellissimo amico