venerdì, marzo 28, 2008

Good vibrations

Sono tornato senza treno questa sera, ed ho messo quel vinile di Battiato che mi piace tanto.
Penso a Filadelfia: uao.
No, non il formaggino.
Filadelfia la città.
Con tutti quei vialoni alberati, con tutti quei campanili protestanti.
E penso: la protesta sociale, il tibet libero, il vino nei bicchieri che non sono da vino, le pere al contrario, i Beach Boys con le loro barbe e i loro sandali puzzolenti.
Sarà quel che sarà, ma tornando senza treno ho pensato che alla fine tutto esiste contemporaneamente, senza farsi troppi problemi. Si insomma, tutto è, mi capite? Parlo del philadelphia, dei mocassini puzzoni. Oh insomma non riesco a spiegarmi.
Fattostà, che pensavo che il primo troll della storia fu Antonio La Trippa.
No, non Totò: parlo di Antonio La Trippa.
Proprio lui, quello spammone disonorevole; andava avanti e indietro con il suo megafono e i suoi messaggi subliminali ad intasare il condominio con i suoi flame.
E poi ho pensato: "Chi fu quindi, il primo blogger della storia?"
E mi sono risposto da solo.

Petronioooo!Petronioooo!Petronio ma dove sei?Hai visto il mio blog quanti commenti?

3 commenti:

beppe grillo-il primo blogger della liguria ha detto...

petronio o totò fu il primo blogger della storia?

L'irreprensibile ha detto...

mettitela nel culo la tua arca blog della minchia

Anonimo ha detto...

due spaghetti sciuè sciuè