giovedì, novembre 01, 2007

Arrivano i nastri

Ci giocavi coi soldatini da piccolo?
Che sballo i soldatini da piccolo!
Ci giocavo per ore ed ore fino a quando il sonno si mescolava alla veglia, ed in questi magici momenti di malcelato torpore inventavo le storie più belle e più bizzarre.
Queste storie, in cui per la verità i soldatini erano più avventurieri che combattenti, tanto che non spararono mai un colpo, penetravano cosi' a fondo nella mia mente che anche adesso, quando mangio pesante, rivivo alcune delle mie stesse storie...

"Rompiamo i ranghi ragazzi: cè un ponte."
Che avventure magnifiche! Solo un bambino potrebbe sognare dei soldatini di plastica che si premurano di non rompere un ponte.

2 commenti:

L'irreprensibile ha detto...

grandioso

Anonimo ha detto...

bellissimo