sabato, febbraio 16, 2008

L'OST - 2 Puntata: giorno del disastro

Lo scoppio fece volare Giga lontano,cosi la sua opera di salvataggio del tutto disinteressato di Daniela da sotto un pezzo di ala dovette essere interrotta proprio sul più bello: il momento del "cosa posso fare per ringraziarti?Mi hai salvato la vita,ti devo tutto,farò qualunque cosa per te gabri".
"Qualunque cosa" - pensò Giga prima di ritrovarsi a faccia in giù sulla battigia.
Ora la avrebbe salvata qualcun altro,qualcuno come Simoncelli-sempre al posto giusto al momento giusto lui-qualcun altro se la sarebbe trombata al suo posto: no.
Non poteva permetterlo,sarebbe stato lui il suo salvatore.

L'ultima parte di aereo andato in fiamme aveva spaventato ancora di più tutti quanti: nessuno sapeva cosa era successo agli altri,quanti dei suoi compagni erano sopravvissuti al disastro,nè qualcuno era ben conscio che fossero scampati ad una morte sicura,che quello fosse stato un vero e proprio miracolo.Nessuno si era chiesto dove si trovavano,in comune avevano soltanto questo e la felicità di essere vivi,di poter toccare quella sabbia,di poter essere bagnati da quelle onde leggere.

Anna era quella che più rapidamente si era resa conto di quanto fosse grave la situazione: si muoveva istericamente fra un corpo e l'altro,controllava chi era ferito,chi era vivo,chi non si trovava ancora.Fancio si era risvegliato vicino a lei,e le aveva fatto subito da aiutante,la loro lite sull'aereo era ormai un ricordo lontano.Aveva addirittura fasciato il braccio di Fumagalli,improvvisandosi medico:il Dna doveva pur servire a qualcosa,la mamma Trincia era nel suo istinto.Fumagalli urlò di dolore quando,con un colpo netto, gli fece rientrare la spalla sinistra.
Un ghigno apparve sul volto di Fancio.Ma presto sfumò in sgomento.
E una luce si riflettè nelle sue scure pupille:l'aereo aveva preso fuoco.
Con un gesto Anna lo chiamò poco distante.
Era china su un uomo,apparentemente svenuto.
Era Draperi.
...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

era mio padre

burlone ha detto...

era china.
e lui era inchiostro

uno chinato ha detto...

barolo